La felicità non si racconta. E’ come una torta di mele che si mangia fino all’ultima briciola rimasta sul tavolo prima di leccare la marmellata dorata che copre le dita.
Franz-Olivier Giesbert

…la felicità è passare un esame e tornare anche solo per un breve momento a respirare! E’ concedersi un pomeriggio in tranquillità, affaccendandosi solo tra i fornelli e gli ingredienti, per preparare delle buonissime Crepes flambées con mele caramellate e panna montata…una vera goduria! La ricetta l’ho presa dal libro Una mela al giorno, che stiamo testando con il Cakes Lab e devo dire che questa merenda così golosa mi ha proprio strappato un sorriso e dato la carica per ributtarmi a capofitto nello studio, perchè gli esami qua non finiscono proprio mai!

Crepes flambées con mele e panna
 
Prep time
Cook time
Total time
 
Author:
Serves: 6
Ingredients
Per le crepes
  • 60 g di farina 0
  • 30 g di farina di farro
  • 2 uova
  • 225 ml di latte
  • 1 pizzico di sale
  • 15 g di burro
Per le mele spadellate
  • 2 mele
  • 10 g di burro
  • 2 cucchiaio di miele
  • 1 cucchiaio di rum (o calvados)
Per il flambée
  • 20 ml di rum (o calvados)
Per servire
  • 100 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato (io l'ho omesso)
Instructions
Per le crepes
  1. Unite le due farine e il sale in una ciotola, poi versate pian piano il latte, mescolando con una frusta per evitare i grumi; infine aggiungete le uova e amalgamate bene - dovrete ottenere una pastella molto liquida.
  2. Coprite la ciotola con la pellicola e mettete in frigo a riposare per un paio d'ore (o ancora meglio tutta la notte).
  3. Riprendete la pastella, mescolatela e unitevi il burro fuso.
  4. Mettete a scaldare un padellino sul fuoco medio-alto, ungetelo con un fiocchetto di burro e versatevi un mestolo di pastella. Con movimenti circolari spandete l'impasto e quando inizierà a staccarsi dal padellino giratelo - ci vorranno circa 2 minuti per ogni lato. Quando la crepe sarà ben dorata toglietela dal padellino e impiattatela.
  5. Proseguite nello stesso modo fino ad esaurire la pastella.
Per le mele spadellate
  1. Lavate le mele, sbucciatele e tagliatele a cubetti.
  2. Nella padella unite le mele, il miele, il burro e un cucchiaio di rum, poi fate cuocere a fuoco vivo fino ad ottenere una bella doratura.
  3. Aggiungete altri 20 ml di rum e fate flambare (attenzione, se non vi sentiti sicuri non lo fate, è un passaggio che si può tranquillamente omettere).
  4. Spegnete il fuoco versate le mele con il caramello in una ciotola.
Per assemblare
  1. Farcite ogni crepes con un cucchiaio di panna montata e un cucchiaio di mele caramellate con un po' del loro caramello.

Conclusioni: l’unica pecca è il burro indicato per le mele caramellate in padella…davvero eccessivo (50 g), io ne ho messi solo 10 g e sono venute benissimo lo stesso, senza avere quello sgradevole retrogusto estremamente grasso. Inoltre è una ricetta particolarmente dolce, per cui ho omesso lo zucchero nella panna e ho servito le crepes con una spolverata di cacao amaro per creare un piacevole contrasto!

3 Comments on Crepes flambées con mele caramellate e panna montata

  1. tizi
    18 gennaio 2017 at 11:19 (3 mesi ago)

    che meraviglia questo piatto di crepes! in questo periodo mi è capitato di preparare quelle classiche, farcite con cioccolato fuso, come dolcino dell’ultimo minuto e sono state molto apprezzate… ma queste tue sono un vero e proprio dessert, con la freschezza della frutta e il gusto ricco della panna. in più le hai presentate in un modo davvero goloso, mi piace tanto come le hai riempite e disposte nel piatto! bravissima come sempre!
    ti mando un abbraccio e ti auguro un buonissimo inizio anno! a presto!

    Rispondi
  2. Simo
    29 gennaio 2017 at 7:51 (3 mesi ago)

    Mmmmm….che delizia!!!! Irresistibili, davvero…..

    Rispondi
  3. Serena
    30 gennaio 2017 at 1:50 (3 mesi ago)

    Che meraviglia queste foto e che bontà queste crepes da tuffarcisi dentro. Purtroppo anche questo mese ho perso l’appuntamento con il vostro Cake Lab ma sono curiosa e pronta al prossimo appuntamento. Un saluto a presto!

    Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Rate this recipe: