Basi/ Colazione/ Crostate/ Dolci/ Re-Cake

Tart alle pesche e timo per ReCake 2.0

Ricorda che ogni persona che incontri ha paura di qualcosa, ama qualcosa e ha perso qualcosa.
H. Jackson Brown Jr

Perdere. Perdere. Perdere.
Come le gocce che cadono lente dal lavandino chiuso male…plin. Plin. Plin.
Forse in realtà non ho perso qualcosa, ma mi sono persa io. Ho lasciato che i giorni diventassero settimane, che le settimane diventassero mesi, e che ogni scusa fosse buona per non cucinare, per non sporcarmi le mani con farina, zucchero, cioccolato e i tanti altri ingredienti che mi hanno sempre appassionato. Ho lasciato che le pagine dei libri di Medicina fossero ciò che costellava le mie giornate…niente libri di ricette, niente schizzi di dolci fantasiosi da preparare, ma solo nozioni su nozioni, patologie e farmaci, formule chimiche e vie di segnalazione.

E oggi era una giornata iniziata come tutte le altre, mi sono svegliata, ho fatto colazione e mi sono messa a studiare…ma nella pausa, girovagando su facebook, mi sono imbattuta nella nuova proposta di ReCake, ed ecco che un minuto dopo ero già lì che pesavo il burro e la farina, tagliavo le pesche e preparavo lo sciroppo, il tutto per realizzare una deliziosa Tart alle pesche e timo! Una fragrante base di pasta briséé del famoso chef Michel Roux accoglie un dolce ripieno di pesche e timo, che dopo la cottura viene irrorato con tanto sciroppo di pesche…insomma in poco tempo otterrete un dolce perfetto per la merenda. E se siete golosi come me, accompagnate la tart con qualche pallina di gelato al fiordilatte, ci sta davvero bene!

Tart alle pesche e timo
[Ricetta tratta dal blog Two Loves Studio]

Per la briséé (ricetta di Michel Roux per uno stampo da 24 cm)
250 g di farina 0
125 g di burro a pezzetti freddo di frigo
1 uovo
1 cucchiaino di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di estratto o semi di vaniglia (facoltativo)
1/2 cucchiaino di sale
20 ml di acqua fredda 
 Per il ripieno:
500 g di pesche nettarine
1 cucchiaio di amido di mais
1 cucchiaio di zucchero di canna
Succo di mezzo limone
1/4 di cucchiaino di timo fresco 

Per lo sciroppo alle pesche:
250 g di pesche nettarine
50 ml di sciroppo d’acero
3 cucchiai di zucchero di canna 

Per la briséé: Nel mixer unite tutti gli ingredienti per la briséé tranne l’acqua e azionate a velocità media, fino ad ottenere un impasto sabbioso.
Unite l’acqua poca alla volta facendo andare il mixer lentamente, per ottenere una palla di impasto.
Posate l’impasto sul piano di lavoro, lavoratelo brevemente a mano, poi avvolgetelo nella pellicola e fatelo raffreddare in frigo per 20 minuti.
Trascorso il tempo m
ettetela su un piano infarinato e stendetela fino a formare un disco di circa 30 cm di diametro dallo spessore di 3 mm.
Disponete il disco di pasta in uno stampo a cerniera da 24 cm.
Pressate bene i bordi ed eliminate la pasta in eccesso, poi fate riposare in frigo per 20 minuti.

Per il ripieno: Tagliate le pesche a fettine sottili e irroratele con il succo di mezzo limone.
In una ciotolina mescolate l’amido di mais e lo zucchero di canna, poi unitene metà alle pesche con il limone e mescolate bene.

Per lo sciroppo alle pesche: In un pentolino unite le pesche sbucciate e tagliate a pezzetti, lo sciroppo d’acero e portate a leggera ebollizione, mescolando spesso.
Quando le pesche iniziano a rilasciare acqua, aggiungete lo zucchero un cucchiaio alla volta, finché lo sciroppo non si addensa.
Una volta che lo sciroppo si sarà addensato, frullate il tutto con il minipimer, poi passatelo con un colino a maglie fitte per eliminare la parte fibrosa che rimane delle pesche.
Se si raffredda troppo, scaldatelo nuovamente prima di versarlo sulla torta.

Preriscaldate il forno a 200° e quando sarà ben caldo tirate fuori la tortiera dal frigo, bucherellate il fondo della briséé e cuocetela in bianco (cioè coperta da un foglio di carta da forno e legumi secchi come pesetti) per 15 minuti.
Sfornatela, eliminate i legumi secchi e spolverizzate la base con il mix di amido di mais e zucchero di canna e aggiungete il timo fresco, poi disponete le pesche sulla base e infornate nuovamente per 15/20 minuti – io a questo punto ho aggiunto anche una decorazione a treccia fatta con un avanzo di pasta briséé.
Sfornatela e irroratela con lo sciroppo caldo, poi fate raffreddare prima di servire.

You Might Also Like

3 Comments

  • Reply
    Alessandra
    8 giugno 2017 at 16:50

    Sono felice che sia stata proprio questa Re-Cake a ispirarti e a farti rimettere le mani in pasta <3
    Bentornata tesoro <3 <3

  • Reply
    Laura e Sara Pancetta Bistrot
    8 giugno 2017 at 23:00

    Tesoro bentornata!!! Come ti capiamo, è successo anche a noi, questo abbandono del blog, della nostra casetta che ci faceva stare così bene…quella sensazione di doversi occupare solo delle incombenze, senza spazio e tempo per queste piccole cose che invece fanno la felicità! Felicissime di rileggerti, e che ritorno con questa tart bellissima che profuma di estate e cose buone!
    Un abbraccio grande e non farci attendere di nuovo a lungo <3

  • Reply
    saltandoinpadella
    21 giugno 2017 at 16:15

    Ma quanto è bella!!!! ogni tanto qualche distrazione dallo studio ci vuole, così poi si torna più carichi.Se poi ci si può anche gustare una fetta di questa delizia ancora meglio 😉

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Risotto al salto